B2 – LIGONCHIO-CASALINO-MONTECAGNO-PASSO CISA-M.BAGIOLETTO-MONTECAGNO-LIGONCHIO

B2 – LIGONCHIO-CASALINO-MONTECAGNO-PASSO CISA-M.BAGIOLETTO-MONTECAGNO-LIGONCHIO
(Mountain Bike)

MC/MC, L 30 Km, Disl.+ 1.500 m, q min/max 825/1.700 m s.l.m.

Si parte da Ligonchio sulla strada provinciale SP 18, si svolta a dx per Villa Minozzo sulla SP 59 e di nuovo a dx al bivio per Casalino (SC). Si sale alla chiesa e si prosegue oltre il cimitero e i lavatoi su una salita ripida ma breve, fino alla strada Montecagno-Passo Cisa (CAI SSP/609), dove si svolta a dx. Si segue in salita la strada asfaltata e al quadrivio si svolta sulla prima a dx, proseguendo su asfalto prima e, poi, su strada bianca fino al Passo Cisa. Superata la tettoia in legno si prosegue a dx, in salita, fino alla piana sotto il M. Bagioletto, ai piedi del Monte Cusna. Al rientro si percorre la stessa strada.
Possibili varianti meno tecniche, su strada asfaltata:
B2-1, all’andata, giunti al bivio per Casalino si prosegue sulla SP 59 per Villa Minozzo e si svolta a dx per Montecagno, nel borgo si tiene la destra e si proseguire oltre il bar, la chiesa e il cimitero, sempre sulla strada Montecagno-P. Cisa;
B2-2, al ritorno all’incrocio con la carraia e sentiero CAI SPP/609, si prosege su asfalto, oltrepassando il borgo di Montecagno e proseguendo a sx per Ligonchio.
Possibile anche scendere dal Passo Cisa al Rif. Monteorsaro, per poi risalirvi al ritorno.
Altre possibili partenze/arrivi da: Casalino (L 20 Km, Disl.+ 1.250 m), Montecagno (L 16,5 Km, Disl.+ 1.250 m), quadrivio sotto al deposito Iren (L 14,5 Km, Disl.+ 1.120 m).

Ristori: Ligonchio, Montecagno e Case Bracchi, (Rif. Monteorsaro).
Fontane: Scodellino a Ligonchio, Lavatoi di Casalino, fonte a circa 100 m dalla tettoia del P. Cisa (seguire le indicazioni e segnavia CAI 609).

Percorso facile in salita e discesa, tutto pedalabile su strade asfaltate (40%) e carraie (60%), di medio impegno fisico per il dislivello e basso per impegno tecnico. Dal quadrivio sopra a Montecagno si gode di una bella panoramica sulla Valle del Secchia e sulla Pietra di Bismantova e si prosegue tra boschi cedui di faggio. Il percorso termina in uno spiazzo poco oltre il limite del bosco, ai piedi del versante nord del Monte Cusna (2.121 m s.l.m.). La zona è coperta da praterie e mirtillaie, con erosioni calanchive sulle argilliti. Si può proseguire a dx sul sentiero 625 A verso il M. Bagioletto (1.758 m s.l.m.) e i Prati di Sara (1.600 m s.l.m.) spingendo la MTB nelle salite all’andata e al ritorno.